in cima

TRADING DI RIFIUTI: una nuova vita per le materie prime seconde

Spesso, nell’immaginario collettivo, l’idea di rifiuto si collega a quella di un oggetto ormai giunto al termine della propria vita, abbandonato in una discarica in attesa di essere distrutto. Negli anni, abbiamo imparato che non è così: nonostante lo stereotipo della montagna di spazzatura continui a esistere nella mente di molte persone, abbiamo trovato delle soluzioni che permettono di trarre valore dai rifiuti, generando quelle che vengono definite materie prime seconde.

L’utilizzo delle materie prime seconde è fondamentale, in quanto si traduce in un elevato risparmio di energia e un minore sfruttamento delle risorse della Terra, svolgendo un ruolo di primo piano nella costruzione di un’economia circolare.


In linea con la propria mission “zero waste”, Interseroh gestisce l’attività di trading di rifiuti, occupandosi del recupero dei materiali riciclabili e generando le cosiddette “materie prime seconde” ricavate specialmente da plastica, carta, cartone e altri materiali altamente riciclabili. L’attività consiste nell’acquisto e nella vendita di diverse tipologie di rifiuti, con l’obiettivo di avviarli al riciclo: raccolta dei rifiuti dal cliente, trasporto presso l’impianto di trattamento dove avviene il processo di riciclo, lavorazione per l’avvio al recupero e, infine, vendita. 


Interseroh segue l’intero processo, alimentando il commercio delle materie prime seconde e favorendo la transizione ad un’economia circolare: il materiale raccolto viene riciclato presso impianti del Gruppo o trasferito ai propri partner, dove viene gestito il recupero che va dalla separazione dei materiali allo smaltimento di quelli non riciclabili. Infine, il materiale riciclato viene rivenduto all’industria manifatturiera, chiudendo di fatto il “cerchio” secondo i principi dell’economia circolare.


Come azienda che ha l’obiettivo della gestione integrata e sostenibile dei rifiuti, Interseroh si impegna ad offrire un servizio conforme ai più alti standard esistenti nel settore del trading di materiale riciclabile: quello che offre è dunque un servizio che si rivolge a qualsiasi tipologia di azienda, ma che trova maggiore riscontro nelle aziende medio-grandi che hanno, spesso, ambiziosi obiettivi di sostenibilità a livello Corporate.


Qualche dato di mercato: secondo l’ISPRA – l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale – nel 2018 il totale dei rifiuti speciali complessivamente gestiti in Italia ammonta a un totale di 152,6 milioni di tonnellate; tra le diverse attività, il recupero di materia è senza dubbio la strada più praticata, con il 67,7 % di rifiuti che vengono gestiti in questo modo. Ovviamente sono necessari sufficienti impianti, e l’Italia ha un network estremamente sviluppato: gli impianti di recupero di materia, pari a 4.425, costituiscono il 41% della dotazione impiantisca nazionale.

Il trading di materiale riciclabile è una grande occasione per ridurre gli sprechi e risparmiare risorse preziose. È senza dubbio un’operazione necessaria per il passaggio a un’economia circolare, a patto che, in tutte le sue fasi, venga svolta nel rispetto delle norme vigenti.

Indietro

Interseroh

Interseroh è un’azienda del gruppo ALBA, una delle principali società nel settore del riciclo e dei servizi ambientali, nonché fornitore di materie prime in tutto il mondo. Il gruppo opera in Europa e Asia e nel 2018 le sue divisioni aziendali hanno generato un fatturato annuo di ca. 2,1 miliardi di euro e hanno impiegato uno staff di circa 8.000 dipendenti. Solo nel 2018 il Gruppo ALBA ha risparmiato quasi 4,4 milioni di tonnellate di gas serra rispetto alla produzione primaria e allo stesso tempo circa 31,9 milioni di tonnellate di materie prime attraverso le sue attività di riciclaggio. Per maggiori informazioni, www.interseroh.com